Il microchip sotto la pelle sta guadagnando terreno

Seguici

Immagina un mondo senza chiavi o carte. Un mondo in cui semplicemente appoggiando la mano su un lettore si apre una porta, come per miracolo.

Più pratico, più veloce

I dipendenti della società belga Newfusion sono stati impiantati sotto la pelle, vicino al pollice, un chip elettronico ( RFID ), delle dimensioni di una matita. Permette non solo di aprire la porta, ma anche di accendere il computer, tra le altre cose … Non c’è bisogno di badge, che tendiamo a dimenticare a casa.

Otto dei dodici dipendenti di questa azienda volevano indossare questo chip, incluso il CEO Vincent Nys:

“L’abbiamo scelto, lo controlliamo. Ma se un giorno un governo introdurrà questi chip sul mercato e li offrirà alla popolazione, ovviamente ci saranno anche dei rischi. Ciò solleverà domande relative alla privacy e alla sicurezza. Quali dati possiamo inserire nel chip? “

Questo microchip costa circa 100 euro. Contiene una memoria interna, che consente l’accesso, tramite software, ai dati personali del dipendente. In definitiva, questi chip potrebbero offrire molte possibilità. Dries Van Craen ha sviluppato il software:

“Devi solo scansionare il chip per ottenere le tue informazioni personali, ad esempio il tuo brano musicale preferito su Spotify. Questo brano può essere aggiunto a una playlist che condividi con i tuoi colleghi di ufficio. Il punto elenco può far apparire l’elenco delle attività, come una dashboard personalizzata. Nel tempo, anni, potresti immaginare tante cose con questo semplice identificatore personale. “

I dati contenuti nel chip possono essere trasmessi a uno smartphone, ad esempio un biglietto da visita. In definitiva, questa tecnologia potrebbe anche rivoluzionare i metodi di pagamento.

“Se prendi un libro dalla biblioteca, se prendi i mezzi pubblici, devi avere una carta. Nei negozi, devi avere una carta di credito, puoi averne diversi. Abbiamo così tante carte. Se potessimo cambiarlo, se potessimo collegarci alla nostra identità, e non viceversa, sarebbe un mondo ideale ” , ritiene Vincent Nys.

Quali rischi?

Ma alcuni sottolineano i pericoli di questi chip elettronici, che potrebbero, a lungo termine, consentire di controllare ciascuna delle nostre azioni. Altri sottolineano i rischi di questi impianti per il corpo:

“La tecnologia sta avanzando rapidamente. È come quando costruisci una casa. Se equipaggi pareti, pavimenti e tutto con le ultime tecnologie, anche queste tecnologie saranno obsolete dopo tre anni. È lo stesso quando impianti qualcosa nel tuo corpo. Potrebbero esserci rischi per la salute. E vorresti farlo di nuovo ogni tre anni? Perché è la realtà. Cambierà costantemente. “

Il microchip sotto la pelle si sta gradualmente facendo strada. Una società svedese l’aveva già offerta ai suoi dipendenti nel 2015, in particolare per fare fotocopie. Inoltre è già utilizzato come mezzo di pagamento negli Stati Uniti.

Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
26 + 1 =